Oggi a Teatro

20 - il feroce Saladino

Il Feroce Saladino storico non è stato, sicuramente, feroce e non si chiamava nemmeno Saladino, ma Yusuf ibn Ayyub. Salah ad-Din è un epiteto che significa "restauratore della religione". Era un musulmano sunnita curdo che conquistò un vasto regno grazie al suo valore e alle sue doti di stratega e fondò la dinastia degli Ayubidi.

Durante la terza crociata Combatté Riccardo Cuor di Leone e ne fu sconfitto in una battaglia di scarsa importanza con conseguenze pressoché nulle e poche perdite da entrambe le parti. I due, seppur nemici, professarono sempre la massima ammirazione l'uno dell'altro.

Dante lo mette nel limbo proprio perché non dimostrò mai la ferocia dei guerrieri della sua epoca, ma ebbe la fama di sovrano saggio, leale e cavalleresco. Nel XXIV fioretto di San Francesco, il "Soldano" ammirò e protesse il poverello, che se ne era andato nelle terre degli infedeli in cerca di martirio. Infine fu addirittura battezzato in punto di morte e quindi ammesso in paradiso.

Perché, allora, feroce?

Da un lato Saladino fu, pur sempre, il più fiero avversario dei crociati e riconquistò Gerusalemme alla mezzaluna. Poi, soprattutto, perché il Feroce Saladino era la figurina n. 20 di un concorso indetto dalla Buitoni-Perugina negli anni trenta. La figurina n. 20 era talmente rara che divenne proverbiale; ci fecero film, canzoni spettacoli; ebbe un successo tale che il regime fascista proibì altri concorsi, per ragioni di ordine pubblico; e già questo ce lo rende simpatico.

Poi questa figura immaginaria di feroce pirata saraceno ben si addice a quello che facciamo noi con la musica: saccheggiamo i repertori di tutti i paesi, nella gran parte di quelli che si affacciano sul Mediterraneo, come facevano i saraceni, ma a noi capita spesso anche di sconfinare. Il nostro bottino ormai ammonta a una discreta quantità di brani del nostro meridione, dei paesi balcanici, arabi, turchi, sefarditi, gitani, klezmer, saccheggiati qua e là.

la ciurma del Feroce Saladino

Qiyan Saabira
Qiyan Saalima
Pesach ibn Yusuf
Purim ibn Yusuf

email: yeuhda.kayinsberg@gmail.com - telefono: 3737112868